È peccato grave….

27 08 2008

Sì. Forse leggendo questo manifesto per un attimo ho amato la chiesa.





Where the Hell is Matt? – Dove diavolo è Matt?

25 08 2008

Sinceramente, in questo periodo abbastanza ostico, mi ha messo addosso una gradevole sensazione di spensieratezza. Anche se per un attimo.

Grazie Matt!





Teresa Fidalgo

23 08 2008

Si racconta che tempo fa per la strada che porta a Sintra (Portogallo) tre ragazzi si persero. Nel loro girovagare incontrarono una ragazza che chiedeva un passaggio. La fecero salire e si fece accompagnare poco più avanti dicendo che quello era il posto in cui era…. morta.

La polizia trovò il video nella macchina dei tre ragazzi dove solo uno di loro era scampato alla morte. La polizia, avrebbe poi scoperto che nel 1983, nello stesso punto indicato nel documento, perse la vita una ragazza di nome Teresa Fidalgo.

Questa è la storia che il regista portoghese David Rebordão ha utilizzato per il suo corto. Da considerare che dapprima si credeva fosse un filmato reale. In ogni caso Teresa Fidalgo è davvero morta nel 1983… in quel punto.

Il video è di sicuro effetto. Sconsigliato per i deboli di cuore. Consideratelo come un simile della “Strega di Blair”.





Vignette II

20 08 2008

Immagini gentilmente prelevate da:

http://porcaeva.blog.kataweb.it/





Oscar: Persona da me più odiata al mondo 2008

18 08 2008

Dopo lunga e attenta osservazione dei fatti, valutando ogni fattore di valutazione, sono finalmente certo di aver preso la decisione migliore.
Il vincitore può essere solo uno.

And the winner is….

Mahmoud Ahmadinejad

Non mi va di sprecare altre parole. Già la foto mi fa abbastanza schifo, figuriamoci aggiungere anche qualcosa di scritto. Posso dire solo questo:

Ti giuro che quando muori festeggio!





Comunismo….?

15 08 2008


Vorrei che almeno i comunisti si sappiano anche guardare dentro. Che questa orribile parola sia condannata come parole quali “nazismo” e “fascismo”. Che si rendano conto, i cosiddetti “comunisti” che di crimini ne hanno compiuti anche loro.
Vorrei che capiscano che “genocidio” non è sinonimo di “sterminio di ebrei”.
Vorrei che la falce e martello venga oscurata, denigrata e vietata così come si fa con il fascio littorio.
Vorrei che si spegnesse e acquietasse un pò di ignoranza dilagante. Quell’ignoranza che fa da padrona a questa brutta, brutta generazione.
Vorrei che la si smettesse con il considerare un crimine una moda.
Vorrei che non contino le vittime come se si dicesse “oggi ho bruciato 5 fiammiferi”. L’essere umano non è un numero. Nè un simbolo.
Se proprio vogliamo contare:

Vittime ebree del nazismo: 6.000.000
Vittime delle varie dittature comuniste: 24.347.000
[Stima da wikipedia.it]

Vorrei che il mondo prima di criticare pensasse.
Vorrei che “Lev Trotsky” potesse parlare e dire perchè, chi e come l’hanno ucciso. Forse alcune pagine di storia possono ancora farlo.
Vorrei che si abbia paura di nominare “Stalin” e “Lenin” così come si ha paura di nominare “Hitler”.
Vorrei che la gente capisse che di persone come Guevara ce ne sono moltissime. Perlopiù sono state italiane, hanno fatto MOLTO di più, ma sono morte in un silenzio abissale.
Vorrei che chi si reputa “comunista” non mi venga a dire: “oggi è diverso” perchè potrei dire la stessa cosa anch’io, ma tutto è stato scritto. Tutto è storia.
Vorrei bandire il pugno sinistro alzato così come si è bandito il saluto romano e che viene considerato come un gesto da “cattivi fascisti”.
Vorrei che, per favore, per un momento stiate zitti e pensiate un attimo….

Forse voglio troppe cose….
forse come quello studente in quella (purtroppo) famosa piazza nell’ultima foto.





Ithaka

14 08 2008

“Abbiamo voluto dare un senso alla linea che separa l’assurdo dal reale. A quelle sensazioni che riescono a trasmettere qualcosa di più delle semplici parole. Il nostro è un viaggio, forse eterno, per raggiungere quell’isola fantastica. La nostra casa, dove c’è sempre qualcuno che aspetta.
Quella è Ithaka.”