Troppi sogni

2 08 2008

Una chimera d’argento
eterea e accecante
strugge il miraggio assente
triste, immobile e ferito.

Con occhi assonati
in un inverno fiorito;
nuvole sul capo
sole all’orizzonte.

Mi specchio negli occhi
finti, inesistenti.
Soffio, in un anelito di speranza,
il lontano orgoglio.

Ritorna in tuoni
ugualmente accecanti.
Di bagliori distesi
dove il mare bacia la sabbia.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: