Sul soffrire e sul capire

14 06 2009

Alcune situazioni stroncano sul nascere decisioni che compromettono ogni istante successivo alla decisione stessa. E si sentono affibbiarsi termini di elementi assurdi, che non rispecchiano per niente ciò che ci completa. Altre situazioni congiungono idee lasciate ad appassire o lasciate germogliare. Diventano fiore o mature solo nel parlare con una persona di cui non si aspetterebbe mai di ricevere un consiglio, quella stessa persona ti spoglia di tutte le corazze indossate e ti senti talmente piccolo da diventare inerme.

Quando poco prima eri convinto delle tue decisioni e della tua vita e quando il tuo bel castello di sabbia era bello che costruito un’ondata di mare spoglio te lo porta via. Ti senti, poi, come un bambino senza il suo giocattolo. Completamente solo, travolto dal soffrire, dal dolore e dal capire e comprendere elementi che sembravano scontati.

C’è qualcosa oltre l’orizzonte. Tutti lo vedono. Il problema è avere il coraggio di rincorrerlo.

Annunci




Nei ricordi e nel presente

13 06 2009

Tra visi sovrapposti,
forse simili,
s’intravede tra anfratti apperenti
il richiamo di luci appassite.

Emozioni rintoccate da attimi
scanditi da suoni di voci melodiose
e tentenna il mio corpo
su risaie troppo fertili.

Come foglie scivolano
attraverso rami e vento,
penso incessantemente
ad una triste lacrima di resina.

S’attacca nel volere e
spegne qualsiasi lume,
trascende da idee radicate nel pineto
per finire in quelle stesse voci suadenti.